facebook twitter rss

Diffamazione al velista Regolo,
patteggia papà di un allievo

CIVITANOVA - L'uomo era finito sotto accusa al tribunale di Macerata. Voleva il figlio fosse inserito in un gruppo più avanzato tecnicamente. Il campione e la presidente del club vela sarebbero stati anche minacciati via mail
giovedì 7 dicembre 2017 - Ore 20:34 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Diffamazione e minacce al campione di vela Michele Regolo e alla presidente del club vela di Civitanova: papà di un allievo del velista patteggia un mese e 10 giorni, pena sospesa. La sentenza oggi al tribunale di Macerata. Secondo l’accusa, sostenuta dal pm Francesca D’Arienzo, il padre di un allievo di Regolo, all’epoca dei fatti (avvenuti nel 2015) iscritto al club vela di Civitanova, voleva che il figlio venisse inserito in un gruppo tecnicamente più avanzato. Regolo aveva diviso i ragazzi in due team. Uno più avanti tecnicamente, l’altro che doveva crescere ancora. Il papà del ragazzino, all’epoca 13enne, avrebbe scritto, via mail, a vari componenti del club vela. Avrebbe detto cose come «Lei stesso non rispetta le sue regole, non è un buon esempio per i nostri ragazzi», «fa arrossire lo sport per la vergogna, è ora di farla finita con le raccomandazioni». E avrebbe minacciato Regolo, continua l’accusa, di farlo interdire al contatto con i minori di 16 anni perché pericoloso per la loro educazione e formazione. Il padre dell’allievo, assistito dall’avvocato Filippo Manfroci, oggi ha patteggiato davanti al giudice Enrico Pannaggi. Parte civile si erano costituiti Regolo (assistito dal legale Dino Gazzani) e la presidentessa del club vela, Cristiana Mazzaferro (tutelata dal legale Piergiorgio Del Vivo).

(Gian. Gin.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X