facebook twitter rss

Crac Bm: sequestri per 15 milioni
agli ex vertici di Medioleasing
Ma nessuno ha patrimoni per pagare

CREDITO - Il tribunale di Ancona ha accolto la richiesta di Nuova Banca Marche, dove è confluita la finanziaria in seguito al periodo di amministrazione straordinaria. Tra gli ex dirigenti coinvolti Massimo Bianconi, che risulta terremotato e Lauro Costa che non possiede beni capienti
martedì 5 dicembre 2017 - Ore 15:25 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Crac Banca Marche e Medioleasing, la Nuova Banca Marche ha ottenuto dal tribunale di Ancona il sequestro conservativo di 15 milioni di euro, tra beni mobili, immobili e crediti, nei confronti di sei ex dirigenti di Medioleasing. Si tratta di Michele Ambrosini, Giuseppe Barchiesi, Massimo Bianconi, Lauro Costa, Claudio Dell’Aquila e Tonino Perini. La sezione imprese del tribunale di Ancona ha accolto l’istanza di Nbm, dove è confluita Medioleasing al termine del periodo di amministrazione straordinaria che è seguito al crac miliardario di Banca Marche. Contro il provvedimento del tribunale non è possibile fare ricorso, ma potrà essere revocato dalla magistratura se cambieranno le condizioni. La richiesta si inserisce nell’ambito dell’azione di responsabilità da 87 milioni di euro intrapresa dall’amministrazione straordinaria di Medioleasing nei confronti degli ex vertici della società. L’ordinanza per il sequestro è stata emessa dai giudici Francesca Miconi, Francesca Ercolini e Maria Letizia Mantovani, del collegio che ha preso in considerazione il reclamo di Nbm (in origine proposto da Medioleasing) nei confronti della decisione del giudice Alessandro Di Tano che lo scorso marzo aveva rigettato il ricorso proposto per il sequestro conservativo.

L’ex Direttore Generale di Bdm, Massimo Bianconi

Le argomentazioni accolte in questo caso derivano da quelle supportate già nella prima fase cautelare, basate su contestazioni relative alle carenze «nell’istruttoria, erogazione, gestione e controllo del credito» e «inadeguatezza dell’assetto contabile» attribuibili, secondo il reclamante, all’ex direttore generale, agli ex presidenti del cda e agli ex amministratori di Medioleasing. In base alla documentazione prodotta, il tribunale ha ravvisato una serie di criticità per quanto riguarda i leasing concessi (28 quelli presi in esame). Tra questi, la mancanza di «valutazioni analitiche della capacità/modalità di rimborso», l’espressione di pareri favorevoli «pur in presenza di valori irrisori in capo alla richiedente e in assenza delle dovute garanzie».

Per il collegio i patrimoni dei sei ex vertici, però, sono per consistenza e valore insufficienti a garantire il credito risarcitorio. Ad esempio, Lauro Costa (presidente cda dal 2006 al 2009 e poi componente del consiglio fino al 2012) non risulta il proprietario di beni capienti.

Lauro Costa, ex presidente di Banca Marche

Bianconi, invece, è proprietario di due immobili a Norcia, pesantemente lesionati dal sisma.  Barchiesi (ex dg) risulta proprietario di un’abitazione, un ufficio, 2 rimesse e 4 terreni in comproprietà a Castelfidardo, Perini (ex presidente cda) comproprietario per un sesto di un’abitazione di categoria popolare e comproprietario di 2 aree urbane in provincia di Ancona. Dell’Aquila (ex consigliere) , proprietario per metà e 1/20  di 2 case ad Ancona e Roma, Ambrosini (ex componente cda) ha un appartamento a Pesaro. Il ricorso è stato comunque accolto. Capitolo a parte rappresenterà l’esecuzione dell’ordinanza.

(servizio aggiornato alle 17,59)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X