facebook twitter rss

De Micheli a Camerino:
«Norme attuate entro Natale»

SISMA - Il commissario alla Ricostruzione nella città ducale ha annunciato che l'impianto sarà a regime per dicembre: «si saprà chi fa cosa e come, in modo che nessuno debba avere alibi. Priorità alle scuole». Il carcere sarà delocalizzato ma il sindaco chiede certezze sui fondi: «Non posso investire tempo nelle lettere, ho bisogno di concretezza» (VIDEO)
lunedì 27 novembre 2017 - Ore 19:53 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Incontro con il commissario straordinario alla ricostruzione Paola De Micheli, questa mattina nella sede Contram di Camerino, dopo la richiesta inviata la scorsa settimana dal sindaco Gianluca Pasqui. De Micheli è arrivata puntuale, insieme al suo consulente legale. Ha trovato ad attenderla anche la giunta comunale, alcuni consiglieri comunali, il segretario comunale Angelo Montaruli, il responsabile dell’ufficio tecnico Marco Orioli ed altri dipendenti, i rappresentanti degli ordini professionali tecnici e contabili. Presenti anche le altre istituzioni camerti, l’arcivescovo Francesco Brugnaro, il rettore Unicam Claudio Pettinari, il presidente Contram Stefano Belardinelli, i rappresentanti delle forze dell’ordine. De Micheli ha affermato: «Su Camerino alcune questioni hanno già parziale soluzione nell’ambito delle procedure esistenti, per alcune devo verificare, per altre è competenza di diversi ministeri. Come sottosegretario allo sviluppo economico, mi sono fatta carico di accompagnare pubblicamente le risposte dei ministeri competenti, ho dato indicazioni legislative sulle prossime norme che entreranno in vigore. Ci siamo dati come obiettivo quello di rispondere alle questioni poste dal tavolo».

Ha proseguito De Micheli: «Entro Natale ho come obiettivo prioritario che tutte le norme siano attuate, che si sappia chi fa cosa e come lo fa, in modo che nessuno debba avere alibi». De Micheli ha annunciato nuove ordinanze su opere pubbliche, beni culturali, con la priorità assoluta alla ricostruzione delle scuole e degli edifici comunali. Ribadita la scadenza del 30 marzo per la presentazione delle schede Aedes e quella del 30 aprile, per la presentazione dei progetti di ricostruzione leggera B (chi percepisce il Contributo di autonoma sistemazione se non rispetta questa scadenza lo perde). Sul carcere De Micheli ha detto che il ministero ha fondi disponibili, ma che trattandosi della costruzione di una nuova struttura, non è competenza del commissario.

Sul progetto presentato da Cucinella, De Micheli ha chiesto a Pasqui di metterlo nero su bianco perché non è informata di quanto fatto. Per la nuova caserma dei carabinieri c’è idea di farla in una zona pubblica non lontano dal centro, ma a mettere i fondi sarà il ministero della Difesa e a seguire l’iter di ricostruzione il demanio. Ex caserma ed ex carcere saranno inoltre ricostruiti e destinati ad altro, perché si tratta di edifici strategici che non possono stare in un centro storico, senza vie di fuga. I professionisti hanno chiesto di aggiustare la zona franca, di allungare la proroga di sospensione di mutui e adempimenti fiscali e di introdurre la zona franca urbana. Pasqui ha chiesto a De Micheli incontri ogni dieci giorni a Roma e di portare a Camerino un ufficio decentrato del commissario, aggiungendo poi a margine dell’incontro: «voglio risposte certe per i miei cittadini e per chi sta soffrendo. Non posso investire tempo, che è oro, attraverso lettere in attesa di risposte e poi ancora lettere. Ho bisogno di chiudere in maniera concreta». Inoltre, «il governo deve prendere coscienza che per intervenire sul cratere è indispensabile ragionare Comune per Comune – ha concluso il sindaco -. Se si fa un calderone unico non ne usciremo fuori con i risultati».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X