facebook twitter rss

Ospedale unico: Ciarapica non ci sta
“Ho votato contro la scelta di Macerata,
il centrosinistra faccia mea culpa”

CIVITANOVA - Il sindaco replica alle accuse mosse dagli esponenti del Pd: "Spostano il tiro invece di ammettere le responsabilità della sinistra sulla decisione della sede. Ceriscioli mi ha garantito di non chiudere reparti. In un solo mese sono riuscito ad ottenere tanto, a differenza dell'ex vicesindaco"
lunedì 13 novembre 2017 - Ore 17:31 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Ciarapica il giorno della localizzazione dell’ospedale unico

 

«La soddisfazione che ho espresso non era certo per l’area individuata, scelta alla quale mi sono opposto votando contro, bensì per per il mantenimento dei servizi all’ospedale di Civitanova, che fino a sei mesi prima rischiava di essere chiuso proprio grazie alla politica di Silenzi e Corvatta». Non ci sta all’accusa di “non aver capito nulla” della strategia operata nella conferenza dei sindaci e che ha portato la collocazione del nuovo ospedale unico alla Pieve di Macerata, il sindaco Fabrizio Ciarapica risponde agli attacchi del Pd e sottolinea che la responsabilità della scelta della struttura provinciale è in capo propria al partito democratico. «Sull’ospedale unico il Pd sposta il tiro e invece di rispondere alle accuse di Forza Italia e ammettere le responsabilità della sinistra sulla scelta della sede, inventa divisioni di maggioranza che non esistono – ribatte il sindaco – ma i cittadini sanno benissimo che la scelta dell’ospedale unico la fece Corvatta, che non si oppose mai alla decisione della riorganizzazione sanitaria regionale, anzi ne fu il promotore insieme al sindaco di Macerata. Il Pd civitanovese dov’era? Una volta deciso di andare avanti con il progetto della sede unica, i sindaci dovevano indicare la loro proposta, e Corvatta propose Civitanova. Ora Silenzi dice a me che la soluzione migliore era Montecosaro, e che si è persa un’occasione, ma avrebbe dovuto dirlo a Corvatta. Il sottoscritto, infatti, ha votato “no” fin da subito, e precisamente nella seduta del 4 agosto, la prima a cui ho partecipato. Insieme al sindaco Francesco Acquaroli ho votato “no” (20 favorevoli e due contrari) alla scelta del criterio della “baricentricità pura” da inserire nella app, perché avrebbe matematicamente comportato la scelta della Pieve in base all’algoritmo. Il consigliere Silenzi mente in maniera spudorata e gli atti certificano la mia posizione e attribuisce un senso volutamente errato alle mie parole per mistificare la realtà ed è un maestro nel cambiare le carte in tavola trovando appigli».

Il governatore Ceriscioli

Ciarapica afferma che Ceriscioli gli ha assicurato di non chiudere reparti, ma la legge in realtà è chiara e Civitanova passa da ospedale di primo livello ad ospedale di base mantenendo il pronto soccorso e la chirurgia d’urgenza. «Ceriscioli mi ha garantito il suo impegno per Civitanova e la costa, ribadendo l’intenzione di non chiudere reparti – dice Ciarapica – e vigilerò su questo, e di prorogare il contratto ai primari in scadenza e anche la disponibilità a indire nuovi concorsi per Civitanova. Silenzi invece con le sue insinuazioni sta sostenendo di diffidare delle parole del presidente della nostra Regione che si è assunto pubblicamente un impegno, condiviso anche dal direttore  Maccioni. Lo ripeto, io non ho mai votato a favore dell’ospedale unico, la decisione si è presa durante l’era Corvatta-Silenzi, durante il cui mandato, lo ricordo, un reparto fondamentale come Oncologia, era senza un sostituto e con un primario condiviso con Macerata. In un solo mese sono riuscito ad ottenere tanto e, a differenza dell’ex vicesindaco, a difendere gli interessi di Civitanova e non certo quelli di Montecosaro la cui sede inevitabilmente avrebbe portato alla chiusura del nostro ospedale, come tra l’altro confermato da Ceriscioli. Sono stato eletto dai Civitanovesi e mi batto per il nostro ospedale affinché non sia cancellato, ed è bene riportare la discussione sui fatti accaduti e non sui giri di parole della sinistra cittadina che vuole scaricare le proprie responsabilità per nascondere la sua atavica mancanza di capacità di dialogo con l’Ente regionale».

 

Il Pd sull’ospedale unico: “Persa occasione irripetibile, Ciarapica non ha capito niente”

Ospedale unico, Forza Italia: “Lasciare solo il pronto soccorso è un contentino”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X