facebook twitter rss

Giallo di Renata Rapposelli,
l’indagine sul cadavere di Tolentino
unita a quella per omicidio

MISTERO DELLA PITTRICE - Le carte dell'inchiesta aperta a Macerata passano alla procura di Ancona. Atteso per domani l'interrogatorio di Simone Santoleri, che sarà sentito nella caserma del comando provinciale dei carabinieri della città dorica. L'ex marito della 64enne ricoverato per intossicazione da farmaci dopo aver sentito in tv che il corpo rinvenuto nel Maceratese sarebbe quello della donna
lunedì 13 novembre 2017 - Ore 20:46 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Renata Rapposelli

 

di Federica Serfilippi

Cadavere trovato a Tolentino, con la certezza raggiunta dagli inquirenti che si tratti del corpo di Renata Rapposelli (per l’ufficialità si attende l’esame del dna), la procura di Macerata ha trasmesso a quella di Ancona tutti gli atti d’indagine. La procura di Ancona aveva già avviato una indagine per omicidio volontario e occultamento di cadavere iscrivendo nel registro degli indagati l’ex marito della 64enne abruzzese, Giuseppe Santoleri, e il figlio maggiore, Simone. La decisione del passaggio di carte è avvenuto questa mattina, dopo un summit tra gli investigatori anconetani e maceratesi, ma soprattutto dopo il riconoscimento fatto da alcuni familiari della Rapposelli sugli oggetti rinvenuti addosso al cadavere. Oltre alle collanine religiose e all’orologio di acciaio, corrisponderebbe anche una placca di metallo, conseguenza di una operazione cui la pittrice si era sottoposta, trovato sul cadavere. Era stata inserita qualche anno fa dai medici a Reny durante un intervento chirurgico, effettuato dalla pittrice dopo una rovinosa caduta. Dunque, ogni particolare (compresi i pantaloni maculati e le scarpe da ginnastica) porta a Renata. Non ancora trovati, invece, la borsa bianca e nera che aveva il giorno della scomparsa e il cellulare. Con le carte scambiate da una procura all’altra si allungano anche i tempi per l’autopsia. Sarà il pm dorico a conferire l’incarico a un medico probabilmente dell’Istituto di Medicina legale dell’ospedale regionale di Torrette.

Simone e Giuseppe Santoleri

La data dell’accertamento non è stata ancora stabilita. È possibile che prima si aspetti il risultato del dna prelevato nei giorni scorsi da quello che rimane dal cadavere. Il riscontro verrà comparato con quello dei figli della pittrice, la 28enne Maria Chiara, residente a Osimo, e il 43enne Simone ai quali nei giorni scorsi è stato prelevato un campione di dna. Intanto domani, alle 11, Simone Santoleri sarà presente all’interrogatorio che si svolgerà al comando provinciale dei carabinieri di Ancona. Suo padre Giuseppe non è in grado di affrontare gli investigatori a causa dell’avvelenamento da farmaci. L’uomo si trova da ieri pomeriggio nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Atri, dopo aver assunto un mix di barbiturici e gocce per dormire. «È sempre stato fuori pericolo – precisa l’avvocato Gianluca Carradori, in codifesa con i legali Alessandro Angelozzi e Gianluca Reitano – ma nonostante la lavanda gastrica, una parte del corpo ha comunque assorbito i farmaci. È importante tenerlo sotto controllo. Per fortuna, Simone si è accorto subito di quello che aveva fatto il padre». L’uomo, da quanto emerge, ha preso i medicinali dopo aver sentito la televisione parlare della correlazione tra il corpo senza vita ritrovato a Tolentino e la sua ex moglie. Una notizia che il figlio ha sempre cercato di tenergli nascosta per evitare eventuali crisi, come quella avuta il 17 ottobre, dopo aver saputo della sparizione della donna. Domenica pomeriggio, Simone avrebbe cercato di tranquillizzarlo, ma in un attimo Giuseppe sarebbe andato in camera da letto per assumere il mix di farmaci. È stato subito trasportato dal figlio all’ospedale di Giulianova. Dopo la lavanda gastrica, è stato trasferito in ambulanza ad Atri.

Cadavere trovato a Tolentino, per la procura è Renata Rapposelli L’ex ricoverato per ingestione farmaci

Il giallo di Renata Rapposelli: indagati in concorso per omicidio l’ex marito e il figlio

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X