facebook twitter rss

Cadavere nelle campagne,
si tratta di una donna:
la pista della pittrice scomparsa

TOLENTINO - Il corpo è stato recuperato intorno alle 9. Una delle ipotesi degli inquirenti è che possa trattarsi di Renata Rapposelli, sparita nell'Anconetano il 9 ottobre. Per accertare l'identità sarà comunque necessario l'esame del dna. Aperto un fascicolo contro ignoti per omicidio
sabato 11 novembre 2017 - Ore 09:15 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

 

di Gianluca Ginella

E’ di una donna il cadavere trovato ieri pomeriggio nell’alveo di un corso d’acqua a Tolentino, in contrada Pianarucci (leggi l’articolo). Da quanto emerge si tratta di una donna di carnagione chiara, di giovane età. Al vaglio dei carabinieri la pista che porta alla pittrice abruzzese Renata Rapposelli, scomparsa il 9 ottobre. Al momento è solo una ipotesi investigativa che dovrà essere comprovata con accertamenti medico legali. A deporre verso questa tesi sarebbero gli abiti indosso al cadavere che potrebbero essere compatibili con quelli della donna scomparsa. Resta comunque fermo il fatto che i vestiti sono molto rovinati. La donna morta indosserebbe, da quanto emerge, pantaloni maculati, scarpe da ginnastica. Sarebbe anche stato trovato un giubbotto scuro. Il volto però è irriconoscibile, scheletrico. Come la parte superiore del corpo, ad eccezione di un braccio. Che si tratti di una donna sarebbe stato compreso dalle unghie di una mano. La donna è morta, secondo quanto emerge dai primi accertamenti del medico legale, da circa un mese. Quindi un tempo compatibile con la scomparsa di Rapposelli.

Il maresciallo Gaetano Barracane

Al momento comunque, viste le condizioni del cadavere, gli inquirenti non possono dire se la donna sia morta per un atto violento, o per un incidente o un suicidio. Le ipotesi restano tutte aperte. Ieri sera a trovare il corpo è stato un passante che intorno alle 17,30 si era fermato in contrada Pianarucci, per una necessità. L’uomo ha sentito un fortissimo odore e ha allertato i carabinieri. I militari, insieme ai vigili del fuoco, hanno raggiunto il corpo questa mattina, con la luce. Le operazioni di carabinieri e vigili del fuoco sono cominciate intorno alle 7 e intorno alle 9 il corpo della donna, che si trovava in una scarpata vicino all’alveo di un corso d’acqua, è stato recuperato e portato in obitorio. Questa mattina è stata svolta l’ispezione cadaverica, nei prossimi giorni sarà eseguita l’autopsia dal medico legale Antonio Tombolini. Probabile che per riconoscere il cadavere venga svolto anche un esame del dna. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Tolentino e del Reparto operativo di Macerata, coordinate dal pm Enrico Riccioni. Il sostituto procuratore, come atto dovuto, ha aperto un fascicolo contro ignoti, l’ipotesi è omicidio. Resta comunque fermo il fatto che servirà l’autopsia per chiarire se si sia trattato di morte violenta. 

(Servizio aggiornato alle 11,50)

 

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

Il colonnello Roberti (foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto Falcioni)

(foto di Francesca Marsili)

(foto di Francesca Marsili)

(foto di Francesca Marsili)

(foto di Francesca Marsili)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X