facebook twitter rss

Dramma del piccolo Filippo,
la generosità dei genitori
farà vivere 4 bambini

PENNA SAN GIOVANNI - Donati gli organi del bimbo di 22 mesi che è morto ieri. La direzione del Salesi: "La famiglia ha compiuto un gesto meraviglioso"
venerdì 27 ottobre 2017 - Ore 12:56 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Filippo con i suoi genitori, Pedro e Laura

 

Quattro bambini potranno continuare a vivere grazie alla generosità dei genitori del piccolo Filippo, il bambino dichiarato morto ieri, sei giorni dopo essere caduto nella piscina della casa dei nonni. Gli organi sono stati donati a quattro bambini sia del nord, che del centro che del sud Italia. Filippo Murga Lara, di Fermo, si è spento a 22 mesi dopo che venerdì della scorsa settimana era caduto in piscina a casa dei nonni. Questa mattina, dopo che ieri era stata dichiarata la morte cerebrale, i medici hanno prelevato gli organi dopo che i genitori del bambino avevano dato il consenso. L’intervento di prelievo multiorgano che si è svolto con la collaborazione delle equipe di Cardiochirurgia di Bergamo e dell’ospedale Bambin Gesù di Roma coordinate dal Centro regionale trapianti Marche, da Nord Italia Transplant program e dal Centro nazionale trapianti operativo. Grazie alla generosità della famiglia saranno salvate quattro vite «altrimenti condannate» dice la direzione del Salesi. I trapianti verranno effettuati a Roma, Bergamo, al policlinico di Milano e al centro trapianti di Bari. «Il nostro ringraziamento ed un abbraccio commosso a questa famiglia tanto provata dal dolore che è stata capace di un gesto di altruismo meraviglioso» scrive la direzione del Salesi.

 

Bambino caduto in piscina, dichiarato morto

 

Bimbo caduto in piscina, segnalata morte cerebrale

 

Bambino cade in piscina, gravissimo La nonna: “Sembrava morto Ora è in coma farmacologico”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X