facebook twitter rss

Tribunale al Pannaggi, Pettinari frena:
“Non posso penalizzare le scuole”

MACERATA - Il presidente della Provincia interviene dopo la dichiarazione del sindaco Carancini che indicava l'istituto come soluzione per ampliare il palazzo di giustizia
mercoledì 11 ottobre 2017 - Ore 19:46 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Macerata

Antonio Pettinari, presidente della Provincia di Macerata

 

Tribunale al Pannaggi o ampliarlo dove si trova, come vorrebbe il progetto originale. Un dilemma sollevato in consiglio ieri dall’Udc che attanaglia Macerata da anni. Ora più che mai dato che il palazzo di giustizia, per volontà ministeriale, ha accorpato da qualche anno anche quelli del circondario. Il sindaco di Macerata, Romano Carancini, ieri ha spiegato in consiglio comunale che “la soluzione è il Pannaggi, il ministero non ha i soldi da investire nell’ampliamento”. Ma l’Udc non ci sta, soprattutto perché il Pannaggi è una scuola della Provincia che prima del sisma, e ancora adesso, è destinata all’Ipsia di Corridonia, che da 30 anni alloggia in un condominio. Il presidente della Provincia Antonio Pettinari, ricorda che “ognuno ha le sue competenze. La mia è di sistemare le scuole. Tutto quello che ho potuto fare per le amministrazioni l’ho fatto, ed è stato doveroso, ma non posso penalizzare le scuole per le altre esigenze”. La Provincia infatti ha messo a disposizione delle scuole comunali colpite dal sisma proprio il Pannaggi. Ora i patti erano che, una volta completato il nuovo polo scolastico alle Casermette (luglio, se va tutto liscio), l’Ipsia di Corridonia avrebbe finalmente avuto uno spazio adeguato, cosa che ora “non ha”, ribadisce Pettinari.

Da sinistra Ivano Tacconi e Marco Foglia

Sul tema sono intervenuti anche i consiglieri comunali Tacconi e Foglia: “Non abbiamo sentito Pettinari – dicono – ma vogliamo ribadire che il Pannaggi è una scuola ed è ora di finirla con le piccole toppe, vizio della politica. La filiale dell’Ipsia di Corridonia si trova sotto un condominio, in pratica senza laboratori. L’amministrazione provinciale le ha destinato la scuola Pannaggi. Quindi portarci il tribunale non è una soluzione applicabile da parte dell’amministrazione. Sia perché non è di proprietà del Comune sia perché togliamo spazio alle scuole che già hanno i loro problemi. Chiediamo al ministero di investire soldi su Macerata”. Foglia aggiunge: “Se spostiamo da là il tribunale poi ci troviamo con una struttura che o la demolisci o non sai che farci. Là c’è il palazzo di giustizia, lasciamolo lì. C’è già la possibilità di ampliamento senza andare a cementificare altrove. Guardiamo più avanti, a un vero e proprio sviluppo del tribunale. L’amministrazione centrale ha accentrato tutti i tribunali su Macerata e per legge devono investire quei risparmi così ottenuti sul capoluogo”.

(Fe. Nar.)

 

Test sismici a scuola attesi da 14 anni, in arrivo i fondi per farli Tribunale, mancano i soldi per l’ala nuova

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X