facebook twitter rss

Appello di Enel ai cacciatori:
“Non sparate alle linee elettriche”

Cinque consigli per l'incolumità
sabato 23 settembre 2017 - Ore 10:00 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

(Foto d’archivio)

Come ogni anno, l’avvio della stagione venatoria ripropone anche in provincia di Macerata il tema dei rischi legati all’attività venatoria in prossimità di impianti di distribuzione dell’energia elettrica. Rischi che possono riguardare l’incolumità degli stessi cacciatori, oltre che il regolare funzionamento delle linee.

E-distribuzione, società del Gruppo Enel che si occupa della distribuzione di energia elettrica in Italia, punta a sensibilizzare gli amanti della caccia in merito ai rischi connessi con l’avvio della stagione venatoria. “Sparare verso le linee elettriche – sottolinea Gianfranco Perrone, responsabile Esercizio Rete di e-distribuzione Marche Emilia Romagna– è pericoloso e dannoso: si possono creare condizioni di contatto accidentale con elementi in tensione, e quindi pericoli per l’incolumità della persona, e di danneggiamento degli impianti con conseguente interruzione del servizio elettrico e disagi per cittadini”.

Per la prevenzione, e-distribuzione ha diffuso cinque consigli da tenere bene a mente: non sparare a, o in prossimità di, linee elettriche; verificare la posizione delle linee elettriche e apparecchiature sul terreno in cui si spara, poiché in aree boschive gli impianti potrebbero non essere immediatamente visibili; prestare attenzione ai segnali di pericolo posti sugli impianti; non sparare agli uccelli che si posano sulle linee; se il danno dovesse provocare la caduta del conduttore non avvicinarsi al cavo per evitare il minimo rischio di elettrocuzione.

Qualunque danneggiamento o situazione di pericolo può essere segnalata al numero verde 803500, operativo 24 ore su 24, tutti i giorni della settimana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X