facebook twitter rss

Il mulino di Cingoli
produce farina da 452 anni

TESORO - Domani e domenica per le giornate europee dedicate ai mulini storici sarà visitabile quello in via Valcarecce 1, gestito dalla famiglia Bravi e tutt'ora funzionante grazie all'acqua che lo mette in moto
venerdì 19 maggio 2017 - Ore 21:08 - caricamento letture
Print Friendly

L’acqua fa funzionare il meccanismo del mulino

 

Datato 1565, con le sue tre macine azionate dalla forza dell’acqua non ha mai smesso di produrre farina. È uno dei mulini che domani e domenica sarà visitabile per le giornate europee dei mulini storici, che celebrano l’ingegno umano che ha saputo ricavare strumenti da materiali semplici e duraturi. Si trova a Cingoli, in via Valcarecce 1, ed è stato da sempre gestito dalla famiglia di mugnai Bravi. Le macine, in pietra naturale, sono ancora perfettamente funzionanti. Provare per credere: i visitatori potranno gustare la polenta e i prodotti integrali preparati con le farine del mulino, che saranno anche disponibili per l’acquisto.

Per maggiori informazioni sulle giornate www.aiams.eu, info@aiams.eu o il numero 3396556314. per contattare il mulino Bravi tel.  337293830

Il mulino apre le porte: “Così da 500 anni nasce la farina”

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X