facebook twitter rss

Elena Lionello,
nel mirino il record
alla “24 ore di nuoto Arena”

CAMPIONESSA - La 27enne, a Tolentino per lavoro, si allena alla piscina Caporicci in vista dei prossimi impegni del Gran Prix Fina 2017. Parteciperà all'evento per battere il primato dei 45 chilometri fatto registrare da Alice Vitali
mercoledì 19 aprile 2017 - Ore 12:13 - caricamento letture
Print Friendly

 

Elena Lionello

 

Si chiama Elena Lionello ha appena 27 anni ma alle spalle già un record mondiale sia maschile che femminile nel nuoto in acque libere. A Tolentino per lavoro, è infatti una neurologa veterinaria, si allena costantemente due volte al giorno nella piscina comunale “Caporicci” e appena ha sentito del record dello scorso anno di Alice Vitali nella 24ore di nuoto non si è lasciata scappare una possibile sfida.
Elena ha iniziato a nuotare come molti ragazzini, a 6 anni nella piscina del suo paese, a 16anni ha intrapreso l’attività agonistica “molto tardi rispetto ai miei avversari ma sono una tipa testarda e difficilmente mi lascio scoraggiare.” Poi l’idea di nuotare in mare aperto e tentare anche delle gare. “Tutto è nato dalla proposta della mia ex allenatrice, all’epoca detentrice del record di doppia traversata dello stretto di Messina, avevo già iniziato a disputare gare in mare aperto e nel 2009 ho tentato anche io la doppia traversata dello stretto di Messina 6,7 km percorsi in 1 ora 23 minuti e 41 secondi un record mondiale sia maschile che femminile, ad oggi quello femminile resta ancora imbattuto.” Gesta sportive che hanno dello straordinario ma quello che più colpisce in questa solare ragazza è la tranquillità con cui racconta i risultati ottenuti in una disciplina molto difficile, dove la fermezza, la forza di carattere, la concentrazione ma soprattutto la determinazione non devono abbandonare neanche un attimo lo sportivo. Un racconto fatto con umiltà e semplicità che colpiscono, Elena ci parla della sua vita: una laurea in medicina veterinaria, in particolare in neurologia e neurochirurgia, che attualmente la porta a dividersi tra il centro specialistico Futuravet di Tolentino e un’altra clinica di pari livello specialistico a Rovigo, sua città natale. Consulenze, visite, risonanze, interventi chirurgici che alterna settimanalmente nelle due strutture veterinarie e come freelance e nel tempo libero, non molto per la verità, riesce anche ad allenarsi due volte al giorno tutti giorni. Attualmente è impegnata nella preparazione del Gran Prix Fina 2017 in acque libere, gare di distanza superiore ai 30 km che prevedono diverse tappe in giro per il mondo: in Argentina, poi in Canada, in Macedonia e in Italia a Capri. “Non è la prima volta che partecipo a queste competizioni, la preparazione è molto impegnativa, le gare durano in media 8-9 ore e non sempre le temperature sono piacevoli. In Canada ad esempio nel 2015 c’erano 14 gradi e nonostante la barca d’appoggio mi rifocillasse a scadenze regolari, ho concluso la gara in ipotermia. Ma mi piace mettermi alla prova, sto bene nell’acqua e adoro il senso di libertà che provo. E’ anche per questo che quando ho saputo che lo scorso anno alla 24 ore di nuoto Arena di Tolentino è stato realizzato il record dei 45 chilometri da Alice Vitali ho deciso di accettare la sfida. Sarà sicuramente divertente”. Proprio alcuni giorni fa Elena è stata la protagonista di un mini-reportage realizzato dall’emittente televisiva Americana Espn sugli atleti più rappresentativi del mondo. Lei è stata scelta come rappresentante italiana del nuoto in acque libere, altre riprese verranno effettuate anche la prossima estate e la troupe dovrebbe effettuare le registrazioni nella nostra regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X