facebook twitter rss

Casa di “Silvia” come la vedeva Leopardi,
scoperto il colore originale

RECANATI - L'edificio in cui viveva Teresa Fattorini, la musa del Sommo Poeta, tornerà ad essere rosso. Il tono è stato rintracciato durante un lavoro di restauro. Vanni Leopardi: "La Piazzuola del Sabato del Villaggio avrà un'immagine ancor più vicina a quella originaria"
sabato 15 aprile 2017 - Ore 20:58 - caricamento letture
Print Friendly

La casa di Silvia vista da palazzo Leopardi

 

di Alessandra Pierini 

Era rossa la casa di Teresa Fattorini, la “Silvia” di Giacomo Leopardi che la osservava dalle finestre del palazzo di famiglia a Recanati. 
A svelarlo il ritrovamento di ampi residui di tinteggiature esterne riportati alla luce durante un lavoro di restauro in atto da qualche mese. Dai colori rimasti intatti e visibili è stato possibile risalire al tono di colore dell’edificio. 
«Questa scoperta – spiega Vanni Leopardi – ci consentirà di restituire alla Piazzuola del Sabato del Villaggio un’immagine ancor più vicina a quella originaria».

 

Il tecnico Donati durante i lavori

 

La scelta della famiglia è stata infatti quella di utilizzare il colore originale, quello che Monaldo Leopardi usava per tutte le pertinenze di palazzo, per ridipingere l’edificio che rientrerà in un progetto di valorizzazione. «Abbiamo deciso – spiega Stefano Donati, tecnico progettista della famiglia Leopardi – di riproporlo in senso filologico, riprendendo le tecniche di una volta».

Inoltre è prevista una installazione multimediale che permetterà ai visitatori di rivivere a pieno l’ambiente in cui Giacomo Leopardi ha composto molti dei suoi più importanti componimenti.
L’intervento era uno dei progetti inseriti nella candidatura di Recanati a Capitale italiana della Cultura, poi sfumata.

 

I cornicioni di casa di Silvia

Un particolare dell’interno

Il colore esterno dopo un lavaggio con l’acqua

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X