facebook twitter rss

Tenta di investire i carabinieri,
un militare spara
e lo colpisce alla testa

MONTE SAN GIUSTO - Un giovane, probabilmente dell'Est Europa, ha cercato di fuggire all'alt dopo essersi messo al volante di un'auto risultata rubata. E' successo intorno alle 18 di oggi. Il ferito è stato portato all'ospedale di Macerata, le sue condizioni sono gravissime. Nelle tasche aveva oggetti ritenuti provento di furto
venerdì 24 febbraio 2017 - Ore 20:47 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

di Gianluca Ginella

(Foto Federico De Marco)

Sale in auto dopo aver fatto una gran corsa, mette in moto e parte: quando i carabinieri gli intimano l’alt, lui, un giovane probabilmente dell’Est Europa, cerca di investirli e a quel punto un militare spara. Il proiettile colpisce il ragazzo alla testa. Il giovane, che era senza documenti, si trova in condizioni gravissime al reparto di Rianimazione all’ospedale di Macerata. E’ in coma ed è in pericolo di vita.

Momenti concitatissimi di un pomeriggio di pioggia a Monte San Giusto. Tutto comincia intorno alle 17 quando nella zona di via Valle, dove poi ci sarà lo sparo, vengono segnalati dei furti. Alcuni tentati, altri riusciti. Di certo tre in via Giustozzi, che si trova sopra via Valle. I carabinieri della stazione di Monte San Giusto vanno a controllare. Vengono notati tre uomini, probabilmente dell’Est Europa.

L’auto è risultata essere stata rubata a Terni

Un appuntato, da anni in servizio a Monte San Giusto, si accorge di un’auto in sosta in via Don Minzoni, traversa di via Valle. E’ una Fiat Bravo di colore grigio scuro. E’ in sosta dietro ad un’altra vettura. Il carabiniere controlla e salta fuori che l’auto è stata rubata tempo fa, in provincia di Terni. A bordo non c’è nessuno. Il militare sospetta che la vettura sia connessa con i furti in zona e allora decide, insieme ad un collega, di attendere per vedere se arriva qualcuno. Sono le 18 circa e qualcuno arriva, correndo giù per via Valle, verso via Don Minzoni. Un ragazzo. Velocemente svolta in via Don Minzoni, raggiunge la Fiat, apre lo sportello e parte velocemente, tanto che sull’asfalto lascia i segni dei copertoni. Il carabiniere, insieme al collega, gli intima l’alt. Il giovane al volante però non si ferma e tira dritto verso via Valle. A quel punto, stando alla ricostruzione degli inquirenti, cerca di investire i militari. L’appuntato spara. Il proiettile colpisce il montante dello sportello del conducente e ferisce alla testa il giovane alla guida. L’auto percorre pochi metri, attraversa via Valle e finisce sulla scarpata che sale a margine della carreggiata.

Immediatamente vengono chiamati i soccorsi. Sul posto arriva il 118. Mentre il giovane viene portato in ospedale, in via Valle i carabinieri del Reparto operativo di Macerata e della Compagnia arrivano iniziano i sopralluoghi per accertare cosa è accaduto. Arriva anche il comandante provinciale, il colonnello Stefano Di Iulio, arriva il magistrato di turno, il sostituto Enrico Riccioni. Sul posto viene chiamato anche un esperto di balistica, l’avvocato Sandro Evangelisti. Due gli accertamenti disposti dalla procura: uno fare chiarezza sulla dinamica del ferimento, due ricostruire i furti che ci sono stati nella zona. Nell’auto i carabinieri trovano diversi oggetti da scasso. Posta sotto sequestro la pistola con cui il carabiniere ha colpito il giovane. Del ferito, questa sera, si sapeva che con ogni probabilità è dell’Est Europa. Documenti addosso non ne aveva. Aveva invece nelle tasche degli oggetti d’oro, ritenuti provento di furto, e un cacciavite. Il giovane è in Rianimazione, in coma. Il ragazzo è in condizioni gravissime.

(Servizio aggiornato alle 00,30)

Il pm Riccioni con il maggiore Ingrosso

Il colonnello Stefano di Iulio insieme all’appuntato Maurizio Iannone della Pg

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X